Seguici su

Quesito 005/2015

prevenzio.net

Domanda

  1. Sono state approvate in Conferenza Stato-Regioni, a maggio 2015, e pubblicate sul sito del Ministero della Salute le linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi ma ad oggi non sono ancora state pubblicate in G.U. Quali linee guida, ad oggi, sono in vigore?
  2. Le linee guida devono essere applicate nelle strutture turistico-recettive, termali, ad uso collettivo, sanitario, socio-sanitario e socio assistenziale, ma è soggetta anche l'attività di estetista se ha l'idromassaggio, fontane per abbellimento, docce?
  3. Nelle linee guida di maggio 2015 viene precisato che questo rischio deve essere valutato in fase di valutazione dei rischi in base al D. Lgs. 81/08, ma nelle linee guida precedenti?
  4. Inoltre viene precisato che la valutazione dei rischi è effettuata in alcune strutture (strutture turistico-recettive e strutture sanitarie) da una figura competente, responsabile dell'esecuzione dell'attività (ad es. igienista, microbiologo, ingegnere con esperienza specifica, ecc.). Nel caso fossero in vigore le linee guida di maggio 2015,quali sono i contenuti formativi che si ritengono necessari per poter considerare analogamente idonei altri titoli di studio?

Risposta

  1. Le Linee Guida approvate in Conferenza Stato-Regioni non sono ancora state pubblicate in G.U. e di conseguenza non sono in vigore. Attualmente in Emilia–Romagna sono vigenti le linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi emanate con DGR n. 1115 del 21 luglio 2008.
  2. Le linee guida regionali non citano espressamente le attività di estetista ma si ritiene che laddove tale attività comporti l'utilizzo di impianti potenzialmente a rischio debbano essere adottate le misure di prevenzione per la corretta gestione degli impianti previste dalla linee guida applicabili alle situazioni specifiche
  3. Le linee guida regionali non citano il D. Lgs. 81/08 ma in ogni caso nell'ambito della valutazione dei rischi effettuata ai sensi di questo decreto vanno valutati tutti i rischi per i lavoratori e quindi anche il rischio legionella in presenza di un'esposizione potenziale a tale agente
  4. Le linee guida nazionali non sono in vigore. In ogni caso non sono al momento definiti contenuti formativi equipollenti agli altri titoli di studio citati.

(Febbraio 2016)