Seguici su

Quesito 10/2020

prevenzio.net

Domanda

Nuovo DPCM del 26 Aprile, allegato 7 (Protocollo condiviso cantieri) punto 5, all'ultimo paragrafo è scritto:

il datore di lavoro si assicura che in ogni cantiere di grandi dimensioni per numero di occupati (superiore a 250 unità) sia attivo il presidio sanitario e, laddove obbligatorio, l'apposito servizio medico e apposito pronto intervento; per tutti gli altri cantieri, tali attività sono svolte dagli addetti al primo soccorso, già nominati, previa adeguata formazione e fornitura delle dotazioni necessarie con riferimento alle misure di contenimento della diffusione del virus COVID-19.

Cosa si intende per "adeguata formazione"?

Si ritiene sufficiente quella già erogata nei corso DM 388 o deve essere predisposta una formazione integrativa? e se serve una formazione integrativa chi la può fare e in che modalità va fatta, dato che ad oggi i corsi non possono essere svolti se non in modalità a distanza.

Risposta

La formazione erogata ai sensi del DM 388 è da ritenersi adeguata ma dovrà essere integrata con indicazioni relative alle corrette modalità di comportamento dell'addetto al Primo Soccorso tra cui:

  • misure igieniche contenute nelle indicazioni del Ministero della Salute (cd. decalogo)
  • obbligo di lavare ed igienizzare le mani da parte dell'addetto al Primo Soccorso prima di effettuare l'intervento di soccorso
  • obbligo di utilizzo della mascherina chirurgica e di guanti monouso da parte dell'addetto al Primo Soccorso prima di effettuare l'intervento di soccorso
  • obbligo di utilizzo della mascherina chirurgica e di guanti monouso (questi ultimi se possibile) da parte dell'assistito
  • se l'intervento di soccorso lo consente, mantenere la distanza di sicurezza di almeno 1 m
  • disponibilità e collocazione in cantiere di mascherine chirurgiche, guanti monouso, igienizzanti per le mani disponibili per gli interventi di soccorso

Le modalità per l'erogazione della formazione suddetta sono quelle consentite attualmente dalle norme contro la diffusione del contagio, ovvero formazione a distanza, eventualmente integrata con opuscoli e materiale informativo.

Maggio 2020