Seguici su

Quesito 39/2020

prevenzio.net

Domanda

La Circolare Ministeriale n. 0032850 del 12/10/2020 indica che i casi positivi a lungo termine possono interrompere l'isolamento trascorsi i 21 giorni dalla comparsa dei sintomi o dal primo tampone positivo.

Ciò vuol dire che un lavoratore quando riceve la lettera del Servizio di Igiene Pubblica in cui si comunica il termine dell'isolamento può rientrare a lavorare?

Risposta

Sì, un lavoratore positivo a lungo termine, dopo aver ricevuto la lettera del Servizio di Igiene Pubblica in cui si comunica il termine dell'isolamento, può rientrare a lavorare.

Infatti:

  • la Circolare Ministeriale del 12 ottobre 2020 "COVID-19: indicazioni per la durata ed il termine dell'isolamento e della quarantena" per i casi positivi a lungo termine dà le seguenti indicazioni: "le persone che, pur non presentando più sintomi, continuano a risultare positive al test molecolare per SARS-CoV-2, in caso di assenza di sintomatologia (fatta eccezione per ageusia/disgeusia e anosmia che possono perdurare per diverso tempo dopo la guarigione) da almeno una settimana, potranno interrompere l'isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi. Questo criterio potrà essere modulato dalle autorità sanitarie d'intesa con esperti clinici tenendo conto dello stato immunitario delle persone interessate (nei pazienti immunodepressi il periodo di contagiosità può essere prolungato)."
  • nel contesto regionale sono state fornite le seguenti indicazioni per applicare la suddetta Circolare Ministeriale: a tutti i pazienti asintomatici da almeno una settimana (fatta eccezione per la presenza di ageusia/disgeusia e anosmia che possono durare a lungo) e che non presentino condizioni di immunodepressione dopo 21 giorni si applicano le misure di fine isolamento indicate dalla Circolare Ministeriale, ovvero i pazienti vengono considerati guariti e non devono quindi essere sottoposti a ulteriori misure di isolamento; tali indicazioni si applicano a tutte le comunità territoriali (contesto familiare, lavorativo, scolastico, ecc.).

Dicembre 2020