Seguici su

Quesito 64/2013

prevenzio.net

Integrazione formazione per cambio mansione o integrazione nuove attrezzature

Domanda

Un lavoratore che svolge all'interno della propria azienda, classificata ad alto rischio, mansioni che non prevedano la sua presenza, neppure saltuaria, nei reparti produttivi può svolgere i corsi individuati per il basso rischio (4 ore di formazione specifica, oltre la generale comune per tutti). Dal momento che lo stesso lavoratore ampli le proprie attività e la nuova mansione comporti l'accesso anche nei reparti produttivi, come dovrà integrare la propria formazione specifica? Quante ore minime, 8 o 12? O anche meno? Cosa si intende al punto 8.b) ...deve essere ripetuta la parte di formazione specifica limitata alle modifiche o ai contenuti di nuova introduzione?

Risposta

Se un lavoratore svolge la propria attività in un'azienda classificata ad alto rischio ma la sua mansione non prevede la sua presenza, nemmeno in maniera saltuaria, nei reparti di produzione (tipico è l'esempio di un impiegato amministrativo che non mette piede nella parte produttiva dell'azienda) potrà essere formato come se fosse a rischio basso (formazione generale di 4 ore + formazione specifica di altre 4 ore). Allorché dovesse essere addetto anche ad operazioni della parte produttiva dell'azienda dovrà integrare la sua formazione con le parti mancanti (nel caso specifico altre 8 ore). Il punto 8b si riferisce al cambio mansione/introduzione di nuove attrezzature o nuovi rischi: in questo caso si riconosce credito formativo permanente la parte relativa alla formazione generale; per la parte specifica non si è tenuti a ripeterla per intero ma si può procedere aggiungendo una parte relativa alle effettive novità introdotte.

(Dicembre 2013)