Seguici su

Quesito 53/2013

prevenzio.net

Grado rischio settore G

Domanda

Tutto il settore ATECO 2002 del gruppo 50.20 porta nell'ATECO 2007 al gruppo 5.20 (fatta eccezione per la voce del soccorso stradale che porta alla voce 52.21) in ogni caso il 50.20 è del macrosettore G e il macrosettore G è nel rischio basso 50.20.1 45.20.10 riparazioni meccaniche di autoveicoli 50.20.2 45.20.20 riparazione di carrozzerie di autoveicoli 50.20.3 45.20.30 riparazione di impianti elettrici e di alimentazione per autoveicoli 50.20.4 45.20.40 riparazione e sostituzione di pneumatici per autoveicoli 50.20.5p 45.20.91 lavaggio auto 50.20.5p 45.20.99 altre attività di manutenzione e di riparazione di autoveicoli 50.20.5p 52.21.60 attività di traino e soccorso stradale nel rischio medio vengono inserite tutte le attività con codice ATECO 2007 serie 52.xx ma questa famiglia 52.xx è riferita alle attività di gestione di infrastrutture stradali, ponti, gallerie, stazioni e centri logistici. Quindi cose completamente diverse dall'originario 50.20 (infatti il codice ATECO 2002 di partenza è per questi il 63.xx) può esserci un errore nella tabella della corrispondenza tra ATECO 2002 e 2007 tale per cui hanno convertito il 50.20 in 52.21 invece che in 45.20.xx? In altri termini: la formazione degli addetti ad una società che effettua soccorso stradale è da macrosettore G quindi rischio basso (come voci 45.xx degli ATECO 2002) oppure medio (vedi voci 52.xx dell'ATECO 2007 ma non corrispondenti al macrosettore G) credo sia corretto ritenere la voce 50.20 come da mantenere tutta nel rischio basso. Il macrosettore è G e prevede un corso per RSPP di 16 ore non vedrei altrimenti la logica per cui il RSPP si forma per un rischio basso e il lavoratore per un rischio medio che ne pensate?

Risposta

Le attività elencate nel quesito sono effettivamente state inserite nel gruppo G di riferimento per quanto riguarda gli obblighi formativi per RSPP (autonominati), lavoratori, dirigenti e preposti. C'è comunque una corrispondenza tra questa classificazione e quella usata per normare la formazione degli RSPP diversi dal datore di lavoro (i cui requisiti sono indicati nell'art. 32 del D. Lgs. 81/08); in entrambi i casi vengono considerate attività a rischio basso. E' stato segnalato da più parti una certa incongruenza nel considerare alcune attività prettamente manifatturiere, quali le autocarrozzerie e la riparazione di autoveicoli, accomunate ad attività commerciali per i quali si può concordare con l'assegnazione di un rischio "basso". E' probabile che nella revisione degli accordi sul tema della formazione questa incongruenza venga sanata elevando queste attività almeno al rischio medio.

(Ottobre 2013)