Camera di Commercio di Modena
Tu sei qui: Home / Statistica, Studi e Pubblicazioni / Excelsior / News / Previste 99mila assunzioni nelle Pmi italiane nel primo trimestre 2011

Azioni sul documento

Previste 99mila assunzioni nelle Pmi italiane nel primo trimestre 2011

pubblicato il 16/03/2011 00:00, ultima modifica 07/05/2018 14:25
archiviato sotto:
Il 30% è per operai specializzati e più della metà per laureati e diplomati

Nel primo trimestre 2011, le piccole e medie imprese italiane dell'industria e dei servizi hanno previsto l'ingresso in azienda di quasi 99mila lavoratori dipendenti, il 54% dei quali si concentra nelle regioni settentrionali. L'andamento previsto della domanda di lavoro tra gennaio e marzo si presenta migliore rispetto al più recente passato: nel quarto trimestre 2010 le assunzioni si erano infatti fermate a quota 71mila. 

Migliorano le opportunità di trovare un lavoro per quanti sono in possesso di una laurea o, soprattutto, di un diploma: ai titoli di studio più elevati le imprese sono infatti intenzionate a riservare il 53,2% delle opportunità di lavoro. Si accentua inoltre in questo trimestre il turnover delle professioni operaie, visto che i 26mila operai specializzati a carattere non stagionale di cui è stata programmata l'assunzione (e che rappresentano quasi il 30% delle entrate) sembrano per lo più destinati a sostituire personale in uscita con un profilo meno qualificato.
Sono queste le previsioni emerse da un sondaggio nazionale, realizzato da Unioncamere e Ministero del Lavoro sulle Pmi con meno di 250 dipendenti, nell'ambito del Sistema Informativo Excelsior.

L'andamento dei settori e delle macro-aree
Nei primi mesi di quest'anno, il 93,7% delle Pmi italiane manterrà invariati i livelli occupazionali e un ulteriore 3,3% prevede un aumento dei posti lavoro, a fronte di un 3% che si attende, invece, una contrazione. In confronto al IV trimestre del 2010, un volume maggiore di entrate dovrebbe registrarsi nell'industria manifatturiera e nelle costruzioni. In questi settori sono state complessivamente programmate 45mila assunzioni (in sensibile aumento rispetto alle 17mila preventivate a fine 2010), 9.900 delle quali da parte delle imprese del Nord-Ovest, 7.500 di quelle del Nord-Est e 9.600 di quelle del Centro.
Le piccole e medie strutture del commercio, nel primo trimestre 2011, raddoppiano le assunzioni previste (oltre 16mila rispetto alle 8.300 del trimestre finale del 2010), la maggior parte delle quali nelle regioni del Nord-Ovest (4.500 entrate programmate) e, soprattutto, del Nord-Est (6.300).
Sono infine quasi 38mila le assunzioni programmate dall'insieme delle imprese degli altri servizi. Anche in questo caso sono le Pmi del Nord-Ovest (13.700) e del Nord-Est (11.300) ad aver messo in cantiere il maggior numero di entrate di lavoratori dipendenti (compresi gli stagionali).

Il 42,5% dei contratti è a tempo indeterminato; laureati e diplomati al 53,2% del totale
Al 42,5% dei 99mila neo-assunti le imprese hanno previsto di proporre un contratto a tempo indeterminato. I contratti a termine dovrebbero rappresentare, invece, il 39,6% delle assunzioni totali. Un ulteriore 10,4% (pari a 10.300 assunzioni) interesserà infine i lavoratori stagionali.
Oltre la metà (53,2%) delle assunzioni totali dovrebbe riguardare i titoli di studio più elevati. I laureati ricercati dalle imprese dovrebbero raggiungere, nel I trimestre 2011, l'8,4%, mentre i diplomati il 44,8%. Quasi l'11% delle entrate interesserà inoltre le qualifiche professionali. Da segnalare la sensibile disponibilità delle imprese ad aprire le porte dell'azienda a giovani in uscita dal sistema formativo (54,3% delle assunzioni totali). Oltre un quinto delle entrate (comprese quelle stagionali) riguarderebbe inoltre personale immigrato.

Aumenta la richiesta di operai specializzati
Considerando le sole assunzioni non stagionali (88.600 quelle complessivamente previste nel primo trimestre dell'anno), ai profili più qualificati delle professioni intellettuali, scientifiche e tecniche e dirigenziali fa riferimento circa il 23% delle entrate nelle Pmi, pari a oltre 20mila unità. Rispetto allo scorso trimestre, si registra una sostanziale stabilità della richiesta di queste figure; parallelamente, va segnalato un incremento, sia in valori assoluti sia percentuali, delle richieste di operai specializzati (26.100 nel I trimestre 2011, pari al 29,5% del totale delle assunzioni non stagionali), di conduttori di impianti (quasi 11mila, pari a poco più del 12% del totale) e di personale non qualificato (circa 10mila). Oltre 21mila, infine, le assunzioni previste per gli impiegati e le professioni commerciali e dei servizi (pari al 24% delle entrate non stagionali), 5mila in meno rispetto allo scorso trimestre.

Pagamenti on line

Pagamenti on line

Sistema di pagamento dei servizi camerali
« ottobre 2019 »
ottobre
lumamegivesado
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031
Prossimi eventi
24/10/2019 Transformation Capital: da Private Equity a Positive Equity Camera di Commercio di Modena
28/10/2019 Prova d'esame conducenti Camera di Commercio di Modena
12/11/2019 Corso di formazione - Pratiche per il registro imprese Promo - Via Virgilio 55, Modena
Prossimi eventi…
Modena Economica

N. 4 luglio - agosto 2019

Info - Contatti

n. 4 Luglio / Agosto 2019
Punto Impresa Digitale

Punto Impresa Digitale

PID Modena

Certificati e visure ora anche in lingua inglese

fattura elettronica verso PA, imprese e privati

    Amministrazione Trasparente

Area riservata

 

 

Area riservata
Fatti riconoscere
Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

C.F. e Partita Iva 00675070361
Tel. 059208111 - URP
Iban IT98K0503412900000000006700
Contabilità speciale Banca d'Italia: 0319324
Fatt. elettronica - Cod. univoco: XECKYI
PEC: