Camera di Commercio di Modena
Tu sei qui: Home / Registro imprese / Manuale attività economiche / R / RIFIUTI

Azioni sul documento

RIFIUTI

pubblicato il 02/04/2012 09:50, ultima modifica 13/01/2014 09:13
Vedere anche: Autodemolizione; Espurgo pozzi neri e fogne; Centro di raccolta dei rifiuti urbani differenziati; Rigenerazione toner, nastri per stampanti e per macchina da scrivere.

ricerca alfabeticaSecondo l'art. 183 del  D.lgs 152/2006 si intende:

"Rifiuto": qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o l'obbligo di disfarsi;

"Rifiuto pericoloso": rifiuto che presenta una o più caratteristiche di cui all'Allegato I del Decreto sopracitato ad es. esplosivo, facilmente infiammabile, irritante, nocivo, cancerogeno, tossico;

"Gestione": la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compresi il controllo di tali operazioni e gli interventi successivi alla chiusura dei siti di smaltimento, nonchè le operazioni effettuate in qualità di commerciante o intermediario;

"Raccolta": il prelievo dei rifiuti, compreso la cernita preliminare e il deposito, ivi compresa la gestione dei centri di raccolta comunali ed intercomunali di cui al D.M. 08/04/2008;

"Trattamento": operazioni di recupero o smaltimento, inclusa la preparazione prima del recupero o dello smaltimento;

"Recupero": qualsiasi operazione il cui principale risultato sia di permettere ai rifiuti di svolgere un ruolo utile, sostituendo altri materiali che sarebbero stati altrimenti utilizzati per assolvere una particolare funzione o di prepararli ad assolvere tale funzione, all'interno dell'impianto o nell'economia in generale.

"Smaltimento": qualsiasi operazione diversa dal recupero anche quando l’operazione ha come conseguenza secondaria il recupero di sostanze o di energia.

Per bonifica ai sensi dell'art. 240 del decreto si intende: l'insieme degli interventi atti ad eliminare le fonti di inquinamento e le sostanze inquinanti o a ridurre le concentrazioni delle stesse presenti nel suolo, nel sottosuolo e nelle acque sotterranee ad un livello uguale o inferiore ai valori delle concentrazioni soglia di rischio (CSR).

L'Albo nazionale gestori ambientali è stato istituito dal D.Lgs. n. 152/2006 e succede all'Albo nazionale gestori rifiuti disciplinato dal D.Lgs. n. 22/1997. E' costituito presso il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed è articolato in un Comitato Nazionale, con sede presso il medesimo Ministero, e in Sezioni regionali e provinciali, con sede presso le Camere di commercio dei capoluoghi di regione e delle province autonome di Trento e Bolzano.

Per la raccolta e il trasporto, il commercio e l'intermediazione dei rifiuti l'iscrizione all'albo costituisce titolo per l'esercizio delle attività medesime. Per le altre attività abilita alla gestione di impianti autorizzati. Inoltre l'iscrizione deve essere rinnovata ogni 5 anni.

COSA SERVELEGISLAZIONE

Iscrizione all'ALBO GESTORI AMBIENTALI per:

- imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi;

- imprese che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi;

- imprese che effettuano attività di bonifica dei siti;

- imprese che effettuano attività di bonifica dei beni contenenti amianto;

- imprese che effettuano attività di commercio e intermediazione dei rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi;

- imprese che effettuano attività di gestione di impianti di smaltimento e di recupero di titolarità di terzi;

- imprese che effettuano trasporto di rifiuti transfrontalieri nel territorio italiano (art. 194.3 del D.Lgs. 152/2006).

- imprese che effettuano attività di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero di rifiuti.

Iscrizione all'ALBO GESTORI AMBIENTALI con procedura semplificata con Comunicazione di inizio attività per i seguenti soggetti:
- aziende speciali, consorzi e società di gestione dei servizi pubblici di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 che svolgono attività di gestione di rifiuti urbani e assimilati nell'interesse di Comuni o di Consorzi di Comuni, (Categoria 1).
- produttori iniziali di rifiuti non pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti, nonchè i produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto di trenta chilogrammi o trenta litri al giorno dei propri rifiuti pericolosi, a condizione che tali operazioni costituiscano parte integrante ed accessoria dell'organizzazione dell'impresa dalla quale i rifiuti sono prodotti e pertanto attività non iscrivibile nel Registro Imprese.
- distributori, trasportatori, installatori e gestori di centri di assistenza tecnica che nello svolgimento della loro attività  effettuano raccolta e trasporto di RAEE (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche).

Autorizzazione rilasciata dalla PROVINCIA per:

- costruzione e gestione in conto proprio di impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti pericolosi e non pericolosi;

- impianti mobili di smaltimento e di recupero di rifiuti.

Comunicazione di inizio attività presentata alla PROVINCIA per recupero di rifiuti pericolosi e non pericolosi (art. 216 del D.Lgs. 152/2006) (l'esercizio può essere intrapreso decorsi 90 gg. dalla comunicazione)

D.Lgs. n. 22 del 5 febbraio 1997. Attuazione della Direttiva 91/156/CEE sui rifiuti, ella Direttiva 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e della Direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio.

D.M. 5 febbraio 1998. Individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli articoli 31 e 33 del D.Lgs. n.22 del 5 febbraio 1997.

D.M. n. 161 del 12 giugno 2002. Regolamento attuativo degli articoli 31 e 33 del D.Lgs. n. 22 del 5 febbraio 1997, relativo all'individuazione dei rifiuti pericolosi che è possibile ammettere alle procedure semplificate.

D.Lgs. n. 209 del 24 giugno 2003. Attuazione della Direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso.

D.P.R. n. 254 de 15 luglio 2003. Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della Legge n. 179 del 31 luglio 2002.

D.Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006. Norme in materia ambientale.

D.M. n. 186 del 5 aprile 2006. Regolamento recante modifiche al D.M. del 5 febbraio 1998 'Individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero, ai sensi degli articoli 31 e 33 del D.Lgs. n. 22 del 5 febbraio 1997'.

D. M. del 22 ottobre 2008. Semplificazione degli adempimenti amministrativi di cui all'articolo 195, comma 2, lettera s-bis) del decreto legislativo n. 152/2006, in materia di raccolta e trasporto di specifiche tipologie di rifiuti.

D. M. dell'8 aprile 2008. Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti raccolti in modo differenziato - Articolo 183, comma 1, lettera cc) del D.lgs. 152/2006 e ss.mm.

D.Lgs. n. 205 del 3 dicembre 2010. Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive.

Delibera di Giunta n. 1991/2003. Direttive per la determinazione e la prestazione delle garanzie finanziarie previste per il rilascio delle autorizzazioni all’esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero dei rifiuti ai sensi degli artt. 28/29 del D.Lgs. n. 22/1997.

 

Scheda aggiornata al 9 marzo 2012

Pagamenti on line

Pagamenti on line

Sistema di pagamento dei servizi camerali
« febbraio 2020 »
febbraio
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829
Modena Economica

N. 6 novembre - dicembre 2019

Info - Contatti

n. 6 Novembre / Dicembre 2019
Punto Impresa Digitale

Punto Impresa Digitale

PID Modena

Certificati e visure ora anche in lingua inglese

fattura elettronica verso PA, imprese e privati

    Amministrazione Trasparente

Area riservata

 

 

Area riservata
Fatti riconoscere
Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

C.F. e Partita Iva 00675070361
Tel. 059208111 - URP
Iban IT98K0503412900000000006700
Contabilità speciale Banca d'Italia: 0319324
Fatt. elettronica - Cod. univoco: XECKYI
PEC: