Camera di Commercio di Modena
Tu sei qui: Home / Registro imprese / Manuale attività economiche / F / FACCHINAGGIO

Azioni sul documento

FACCHINAGGIO

pubblicato il 02/04/2012 09:50, ultima modifica 29/01/2014 10:45

ricerca alfabeticaPer attività di facchinaggio si intendono quelle svolte anche con l'ausilio di mezzi meccanici o diversi, o con attrezzature tecnologiche, comprensivo delle attività preliminari e complementari alla movimentazione delle merci e dei prodotti, come di seguito indicate:

  1. portabagagli, facchini e pesatori dei mercati agroalimentari, facchini degli scali ferroviari, compresa la presa e consegna dei carri, facchini doganali, facchini generici, accompagnatori di bestiame, ed attività preliminari e complementari; facchinaggio svolto nelle aree portuali da cooperative derivanti dalla trasformazione delle compagnie e gruppi portuali in base alla legge 28 gennaio 1994, n. 84, art. 21, e successive modificazioni ed integrazioni;
  2. insacco, pesatura, legatura, accatastamento e disaccatastamento, pressatura, imballaggio, gestione del ciclo logistico (magazzini e/o ordini in arrivo e partenza), pulizia magazzini e piazzali, depositi colli e bagagli, presa e consegna, recapiti in loco, selezione e cernita con o senza incestamento, insaccamento od imballaggio di prodotti ortofrutticoli, carta da macero, piume e materiali vari, mattazione, scuoiatura, toelettatura e macellazione, abbattimento di piante destinate alla trasformazione in cellulosa o carta e simili, ed attività preliminari e complementari (art. 2, D.M. n. 221/2003).

In merito al campo di applicazione, la Circolare n. 3595/C del 13 dicembre 2005 del Ministero delle attività produttive ha riconfermato l’orientamento già espresso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali secondo il quale le attività di cui alla lettera b) del primo comma dell’art. 2, del D.M. n. 221/2003 rientrano nella definizione giuridica di facchinaggio solo qualora siano preliminari e complementari alla movimentazione delle merci e dei prodotti.
Per la qualificazione dell’attività di un’impresa di facchinaggio è necessario far riferimento all’attività principale svolta e che, solo qualora l’attività dell’impresa così individuata si ponga quale preliminare e complementare all’attività di facchinaggio, essa potrà essere soggetta alla normativa in commento.

Attività artigiana - comporta iscrizione all'Albo delle Imprese Artigiane ove ricorrano i requisiti di cui alla legge 443/1985. 

COSA SERVELEGISLAZIONE

Segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) presentata al Registro delle Imprese della CAMERA DI COMMERCIO competente per territorio della sede dell'impresa. (*)

(*) L'art. 72 del D.lgs. 59/2010 entrato in vigore l'8 maggio 2010 esclude l'adempimento previsto dal D.p.r. 342/1994 presso l'autorità di P.S., per i soggetti (e per i loro addetti ) che presentano la Segnalazione di inizio attività al Registro delle Imprese presso la CCIAA.

 

D.M. n. 221 del 30 giugno 2003. Regolamento recante disposizioni di attuazione dell'articolo 17 della Legge n. 57 del 5 marzo 2001, in materia di riqualificazione delle imprese di facchinaggio.

Circolare del MAP n. 3570/C del 30 dicembre 2003. D.M. n. 221 del 30 giugno 2003, regolamento recante disposizioni di attuazione dell'articolo 17 della Legge n. 57 del 5 marzo 2001, in materia di riqualificazione delle imprese di facchinaggio.

D.L. n. 7 del 31 gennaio 2007 (Art. 1 Comma 3). Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche, la nascita di nuove imprese, la valorizzazione dell'istruzione tecnico-professionale e la rottamazione di autoveicoli.

D.Lgs. n. 59 del 26 marzo 2010. Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno. (Art. 72)

Circolare MSE n. 3637/C del 10 agosto 2010. Impatto sulle procedure  di avvio di alcune attività regolamentate, della riformulazione dell’art. 19 della L. 241/1990.

Decreto Legislativo n. 147 del 6 agosto 2012. Disposizioni integrative e correttive del D.Lgs. n. 59 del 26 marzo 2010, recante attuazione della direttiva 2006/123/CE, relativa ai servizi nel mercato interno

maggiori informazioni nella sezione facchinaggio »

Scheda aggiornata al 18 settembre 2012

Pagamenti on line

Pagamenti on line

Sistema di pagamento dei servizi camerali
« febbraio 2020 »
febbraio
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829
Modena Economica

N. 6 novembre - dicembre 2019

Info - Contatti

n. 6 Novembre / Dicembre 2019
Punto Impresa Digitale

Punto Impresa Digitale

PID Modena

Certificati e visure ora anche in lingua inglese

fattura elettronica verso PA, imprese e privati

    Amministrazione Trasparente

Area riservata

 

 

Area riservata
Fatti riconoscere
Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

C.F. e Partita Iva 00675070361
Tel. 059208111 - URP
Iban IT98K0503412900000000006700
Contabilità speciale Banca d'Italia: 0319324
Fatt. elettronica - Cod. univoco: XECKYI
PEC: