Seguici su

Contributi regionali per investimenti produttivi nelle aree montane della Regione Emilia-Romagna

Domande dal 16 aprile al 18 maggio 2020
Stato
Chiuso
Tipologia di bando Agevolazioni, finanziamenti, contributi
Destinatari
  • Imprese
Ente
  • Regione Emilia-Romagna
Data di pubblicazione 14/02/2020
Scadenza termini partecipazione 18/05/2020 13:00
Chiusura procedimento 19/05/2020
Consulta gli approfondimenti

Obiettivi

Il bando, approvato con delibera di Giunta Regionale n. 2350 del 22/11/2019, intende favorire e sostenere imprese localizzate nelle aree montane della Regione, che hanno avviato percorsi di riorganizzazione e rilancio produttivo, anche a seguito del superamento di situazioni di crisi e della definizione di accordi con le controparti sociali al fine della salvaguardia e dell'incremento occupazionale.

Destinatari

Possono fare domanda le imprese, aventi qualsiasi forma giuridica, che, al momento della domanda abbiano superato o stiano superando situazioni di crisi e difficoltà tramite:

  • l'avvenuta stipula di appositi Accordi istituzionali con le organizzazioni sindacali, le parti sociali e le amministrazioni competenti finalizzati a garantire la continuazione dell'attività e la salvaguardia dei livelli occupazionali con l'avvio di programmi di riorganizzazione aziendale e/o di crisi aziendale e/o la stipula di contratti di solidarietà prodromici all'accesso alla cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS), così come previsto nel D. Lgs. n. 148/2015;
  • l'avvenuta realizzazione di operazioni di acquisto e controllo dell'impresa da parte dei dipendenti della stessa Workers Buy Out

Interventi ammissibili

Realizzazione, attraverso un complessivo ammodernamento degli impianti, dei macchinari e delle attrezzature, di investimenti produttivi finalizzati:

  • ad introdurre percorsi di innovazione tecnologica nelle imprese che abbiano una ricaduta positiva in termini di innovazione di processo, di prodotto, di servizio e organizzativa;
  • alla digitalizzazione e alla sostenibilità ambientale dei processi produttivi e dei servizi

Gli interventi devono essere effettuati in una o più sedi operative o unità locali localizzate nei comuni montani del territorio della Regione Emilia-Romagna, così come indicati nell'allegato A al presente bando (Montese, Frassinoro, Montefiorino, Palagano, Prignano sulla Secchia, Fanano, Fiumalbo, Lama Mocogno Montecreto, Pavullo nel Frignano, Pievepelago, Polinago, Riolunato, Serramazzoni, Sestola, Guiglia, Marano sul Panaro, Zocca.)

Tali sedi operative o unità locali dovranno risultare dalla visura camerale aggiornata al momento della presentazione della domanda.

Spese ammissibili

  • a) acquisto di impianti, macchinari, beni strumentali e attrezzature - nuovi di fabbrica - funzionali alla realizzazione del progetto;
  • b) acquisto di beni intangibili quali brevetti, marchi, licenze e know how da intendersi come l'insieme di conoscenze, connotate dal requisito della segretezza e dell'originalità, atte ad ottimizzare i processi produttivi industriali ma inidonee ad essere brevettate in quanto non produttive né consistenti in risultati industriali specificatamente individuabili;
  • c) spese per l'acquisto di dotazioni informatiche (hardware), per l'acquisto di software e relative licenze d'uso, di servizi di cloud computing funzionali all'esercizio dell'attività e all'offerta o al miglioramento di nuovi servizi e/o prodotti alla clientela nonché per la realizzazione di siti internet ed e-commerce, con esclusione delle spese relative alla manutenzione ordinaria, all'aggiornamento e alla promozione;
  • d) spese per opere murarie ed edilizie strettamente connesse alla installazione e posa in opera dei macchinari, beni strumentali, attrezzature e impianti; Le spese per opere murarie ed edilizie sono riconosciute solo nel limite massimo del 5% della somma delle spese indicate alle lettere a, b, c. Tra tali spese sono riconosciute anche quelle relative al noleggio delle attrezzature (ad esempio noleggio di ponteggi) strettamente necessarie alla realizzazione di tali opere;
  • e) acquisizioni di servizi di consulenza specializzata finalizzati: alla realizzazione del progetto (esempio: consulenze per progettazioni ingegneristiche riguardanti gli impianti e macchinari, consulenze per progettazione, direzione lavori e collaudo relative alle opere murarie ed edilizie accessorie alla installazione e posa in opera degli impianti, macchinari e attrezzature, consulenze per gli interventi di risparmio energetico ecc), - alla presentazione e gestione della domanda di contributo.

Tipologia e misura del contributo

E' riconosciuto un contributo a fondo perduto concesso nell'ambito del regime de minimis nella misura pari al 70% delle spese ritenute ammissibili. Il contributo complessivo concedibile non potrà comunque superare l'importo massimo di € 150.000.

Scadenze

Con determinazione n. 4949 del 24 marzo 2020 sono stati sospesi i termini per la presentazione delle domande. I termini inizieranno nuovamente a decorrere dal 16 aprile fino alle ore 13,00 del 18 maggio. Le domande di contributo dovranno essere presentate tramite la piattaforma web Sfinge.

Normativa

Delibera Giunta regionale n. 2350 del 22/11/2019

Determinazione n. 4949 del 24/03/2020 (proroga termini bando)

Link


Contatti

Sportello imprese Regione Emilia Romagna
Tel. 848.800.258
Email:

Sportello Genesi Camera di Commercio di Modena
Tel. 059.208816
Email: