Seguici su

Imprese più protette grazie al Fondo per la Sicurezza

Da giovedì 1 aprile via alle domande dei contributi 2021 per l'installazione di sistemi di difesa dalla criminalità. Priorità agli impianti antirapina collegati in video con le Forze dell'Ordine

Riparte il Fondo per la Sicurezza che eroga contributi alle imprese che intendono dotarsi di sistemi di protezione contro la criminalità, cofinanziato da Camera di Commercio (con 45 mila euro) e da altri 31 Comuni del territorio (*). Le piccole imprese con meno di 50 addetti possono finanziare le spese di acquisto e installazione, sostenute dal 1° ottobre 2020, di:

  • a) sistemi di videoallarme antirapina conformi ai requisiti previsti dal Protocollo d'Intesa del 14/07/2009, rinnovato il 12 novembre 2013 e rinnovato il 12/12/2019, collegati in video alla Questura e ai Carabinieri;
  • b) sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso, sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni;
  • c) sistemi passivi: casseforti, blindature, antitaccheggio, inferriate, vetri antisfondamento e sistemi integrati di verifica, contabilizzazione e stoccaggio del denaro (l'elenco è esaustivo).

Nel caso di impianti installati in comuni aderenti all'iniziativa, il contributo copre il 50% delle spese fino ad un massimo di 3.000,00 € per i sistemi di tipologia a) e fino ad un massimo di 1.200,00 € per i sistemi di tipologia b) e c).

Nel caso di impianti realizzati in comuni non aderenti, il contributo copre il 40% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 2.400,00 € per i sistemi di tipologia a) e fino ad un massimo di 960,00 € per i sistemi di tipologia b) e c).

Verranno finanziate le imprese che non hanno beneficiato del medesimo contributo nel triennio 2018-2019-2020, e soltanto gli impianti nuovi e completi (non adeguamenti o implementazioni di vecchi impianti).

Le domande vanno presentate dalle ore 10,00 del 1 aprile fino alle ore 20,00 del 30 aprile 2021 esclusivamente in modalità telematica. E' già aperta la precompilazione. Ulteriori informazioni sul sito camerale.

(*) I Comuni aderenti sono: Bomporto, Campogalliano, Carpi, Castelnuovo Rangone, Castelvetro, Cavezzo, Concordia S/S, Fanano, Finale Emilia, Fiorano Modenese, Formigine, Guiglia, Maranello, Marano S/P, Medolla, Mirandola, Modena, Montese, Novi di Modena, Pavullo N/F, Ravarino, Riolunato, San Felice S/P, San Possidonio, Sassuolo, Savignano, Serramazzoni, Soliera, Spilamberto, Vignola e Zocca.