Seguici su

Seminario presentazione bando regionale - Crescere in digitale - Rapporto economico provinciale 2016 - Impieghi e depositi bancari

Newsletter economico-statistica e promozionale del 7/04/2017

Seminario di presentazione del bando della Regione Emilia-Romagna "Export is Now"
Giovedì 20 aprile 2017 - ore 14.45, Camera di Commercio, Sala Consiglio    
La Camera di commercio e il Comune di Modena in collaborazione con la Regione e Unioncamere Emilia-Romagna organizzano un seminario gratuito finalizzato a presentare gli strumenti di supporto all'internazionalizzazione messi in campo dalla Regione a valere sul POR FESR, azione 3.4.1, "Progetti di promozione dell'export destinati a imprese e loro forme aggregate".
Il funzionario regionale illustrerà le opportunità offerte dal bando, i soggetti eleggibili, la natura dei progetti finanziabili, l'entità dei contributi e le modalità di presentazione delle domande.  Programma Seminario e Scheda di partecipazione

Crescere in Digitale
Formazione e tirocini per i giovani. Opportunità e competenze per le imprese

Prosegue anche nel 2017 Crescere in Digitale, il progetto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di Unioncamere e Google Italia, a cui la Camera di Commercio di Modena ha aderito, rivolto ai giovani NEET iscritti a Garanzia Giovani.
Grande opportunità per i ragazzi e per le imprese che, previa registrazione sul portale www.crescereindigitale.it, possono ospitare in tirocinio gratuitamente per 6 mesi giovani neet con formazione in marketing digitale.
I tirocini sono rimborsati 500 euro al mese ed interamente finanziati dai fondi nazionali di Garanzia Giovani.
Orientamento al lavoro

Rapporto economico sulla situazione della provincia di Modena nell'anno 2016
On line il report annuale con struttura e movimentazione delle imprese, produzione e ordini dell'industria manifatturiera, export, indici di bilancio   
Nel 2016 l'economia modenese ha confermato i segnali di ripresa del ciclo economico già manifestati nell'anno precedente.
La movimentazione 2016 del Registro Imprese ci consegna al 31 dicembre uno stock di 74.557 imprese registrate, pressoché stabile rispetto al dato di inizio anno. La nati-mortalità è prossima al saldo zero. Tuttavia rispetto al 2015 calano le iscrizioni di nuove imprese e aumentano le cessazioni. Le unità locali sono in aumento e portano il numero totale delle localizzazioni registrate in provincia a quota 89.860 a fine 2016.
Per quanto riguarda le situazioni di crisi d'impresa, risultano in calo sia i fallimenti sia le altre procedure quali concordati e accordi di ristrutturazione del debito. Un consistente incremento si registra tuttavia per gli scioglimenti e le liquidazioni volontarie d'impresa.
L'indagine congiunturale sull'industria manifatturiera ha confermato nel 2016 il trend espansivo della produzione, già evidenziato nel 2015 dopo la stazionarietà del 2014 e il calo riportato nel 2013. Il trend pare quindi indicare il consolidamento di un percorso di crescita.
L'export ha infatti mostrato un buon incremento, raggiungendo nel 2016 un valore record di 12 miliardi di euro. Modena si è confermata la seconda provincia per ammontare di export in regione e l'ottava a livello nazionale.
I risultati di bilancio delle società di capitali modenesi, riferiti al 2015, hanno evidenziato nel complesso indicatori di redditività in positivo.
Rapporto economico sulla provincia di Modena 2016

In aumento gli impieghi e i depositi bancari
In base ai dati della Banca d'Italia al 30 settembre 2016 si registra in provincia di Modena un ammontare di depositi bancari pari a 17.988 milioni di euro, con un incremento del +2,8% rispetto alla stessa data del 2015. Riguardo agli impieghi, si evidenzia a settembre 2016 un valore complessivo di 25.304 milioni, con un aumento del +2,8% in un anno.
Prosegue in provincia di Modena il trend decrescente degli sportelli bancari, che sono passati da 433 a settembre 2015 ai 413 nello stesso mese del 2016, con una flessione del -4,6%. Negli ultimi 5 anni il calo è stato del 15,7%. Il numero di sportelli ogni 100 mila abitanti sfiora quota 59.