Seguici su

"Un'amatriciana per Amatrice"

Confesercenti Modena aderisce all'idea di raccogliere fondi promuovendo il piatto tipico di Amatrice nei ristoranti modenesi

Raccogliere fondi da destinare alle vittime del devastante sisma che ha sconvolto l'Italia centrale e alla ricostruzione di quei territori ricchi di cultura e di arte attraverso il cibo, più precisamente valorizzando il piatto tipico della tradizione di Amatrice, la pasta all'amatriciana famosa in tutto il mondo.

Il progetto "Un'amatriciana per Amatrice" è promosso da Confesercenti nazionale e Associazione Città del Vino, che riunisce i 450 comuni a vocazione enogastronomica del nostro Paese, e punta a sostenere le imprese delle zone colpite dal terremoto del 24 agosto scorso.

Nella settimana tra il 12 ed il 18 settembre, i ristoratori di tutta Italia - e quindi anche quelli modenesi aderenti - offriranno nel loro menu, in un giorno a loro discrezione, una amatriciana per la ricostruzione.

Tutti i clienti che in quella giornata ordineranno il piatto, una vera eccellenza italiana, contribuiranno indirettamente a sostenere la ripartenza delle imprese delle zone colpite: l'importo pagato, infatti, verrà devoluto interamente dai ristoratori in un fondo (IBAN IT 23A 03127 03200 000000015000) finalizzato alla ricostruzione e al sostegno delle attività della ristorazione, del commercio e della ricettività dei comuni di Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto e Pescara del Tronto. L'auspicio è di arrivare a servire oltre 100mila amatriciane.

L'iniziativa è aperta a tutti i ristoratori, non solo italiani. Per aderire sarà sufficiente registrarsi online su www.unamatricianaperamatrice.it per ottenere le locandine ed il materiale informativo relativo alla procedura da adottare, in italiano e presto anche inglese.