Seguici su

Artigianato: si arresta la fase di recessione in regione

Il 2015 si è chiuso con una lieve flessione della produzione. Va meglio il mercato interno di quelli esteri.

Migliora la situazione congiunturale dell'artigianato in Emilia-Romagna secondo l'Unione regionale delle Camere di Commercio. Il 2015 pare infatti avere chiuso la fase di aperta recessione. Il fatturato come la produzione si sono mantenuti sostanzialmente stabili, accusando solo un lievissimo calo dello 0,1 per cento, molto meno ampio di quelli subiti nel 2014 (-3,0 e -2,8 per cento rispettivamente) e anche gli ordini hanno subito solo una lieve flessione (-0,2 per cento). Queste indicazioni emergono dall'indagine sulla congiuntura dell'artigianato realizzata in collaborazione con le Camere di commercio dell'Emilia-Romagna.

Dai mercati esteri però non sono venuti risultati positivi, anzi le performance oltre i confini sono risultate peggiori di quelle sul mercato interno. Ciò nonostante, mentre il fatturato estero accusa un calo dell'1,3 per cento, gli ordini esteri limitano la flessione allo 0,5 per cento.

La possibile chiusura della fase di recessione si riflette anche nei dati della Cig. Le ore autorizzate sono risultate circa 2 milioni e 336 mila, il 57,5 per cento in meno rispetto al 2014.

Gli effetti della crisi continuano però a manifestarsi nell'emorragia delle imprese. A fine 2015 le imprese artigiane manifatturiere attive ammontavano a 29.139, con un calo del 2,4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2014, pari a 713 imprese in meno. La flessione è risultata di fatto leggermente superiore a quella dello scorso anno (-2,2 per cento), ma più ampia di quella che ha interessato il complesso delle imprese della manifattura regionale (-1,6 per cento) e anche della riduzione delle imprese artigiane manifatturiere a livello nazionale (-1,9 per cento).