Seguici su

Economia modenese: si attenua la dinamica negativa

Gli esiti dell'indagine congiunturale sul secondo semestre 2020

Nel secondo semestre 2020 si attenua la dinamica negativa della manifattura e si incrementa ancora il fatturato dell'edilizia. Controversa la situazione del terziario trascinato al ribasso dalla profonda crisi del settore alloggio e ristorazione mentre i servizi alle imprese e alle persone ritornano su un sentiero di crescita.

Questi in estrema sintesi i risultati dell'indagine congiunturale sull'andamento dell'economia della provincia di Modena, realizzata dal Centro Studi e Statistica della Camera di Commercio in collaborazione con le associazioni imprenditoriali Confindustria Emilia, CNA Modena, Legacoop Estense, Ascom Confcommercio e FAM Modena.

Industria manifatturiera

Tutti gli indicatori rilevati dall'indagine denotano un alleggerimento del trend negativo rispetto a quanto rilevato nell'indagine del primo semestre 2020, caratterizzato dal lockdown di molti stabilimenti. Segno che la decisione di tenere aperte le fabbriche nella seconda ondata pandemica ha salvaguardato le attività produttive, consentendo di limitare i danni economici.

Le imprese manifatturiere della provincia di Modena hanno infatti evidenziato nel secondo semestre 2020 flessioni di produzione e fatturato stimate sul -6,8% e -4,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Nel primo semestre le rispettive variazioni tendenziali furono del -14,8% e -12,8%.

Gli ordinativi, dopo la caduta del -12,1% registrata nel primo semestre, si stanno riavvicinando ai livelli pre-Covid: nel secondo semestre 2020 sono soltanto dell'1,3% inferiori a quelli del corrispondente periodo del 2019.

L'attività esportativa nel 2020 non pare aver subito gravi contraccolpi anzi le imprese esportatrici sono riuscite a incrementare la quota di fatturato proveniente dai mercati internazionali, anche per compensare la caduta della domanda nel mercato domestico. Nel primo semestre era del 40,7% mentre nel secondo si è portata sul 47,5%.
La variazione del fatturato estero, seppur negativa, si è assestata: -5,2% nel primo semestre dell'anno e -5,1% nel secondo. Gli ordini sono solo in lieve diminuzione: -1,5% nel primo semestre e -2,9% nel secondo.

L'occupazione è pressochè stabile: -0,6% e -0,8% le variazioni nel primo e secondo semestre; questo anche grazie al blocco dei licenziamenti, che tuttavia non influisce sui contratti precari.

Il tempo di incasso medio delle fatture attive è stimato sui tre mesi e resta stabile.

Migliorano le prospettive a breve degli imprenditori intervistati: l'andamento della produzione nel primo semestre 2021 sarà stabile per il 42% degli intervistati, sarà in aumento per il 34%, e in calo per il 24%. Quelle per il fatturato e gli ordini ricalcano sostanzialmente queste tendenze.
Nel primo semestre 2021 soltanto il 24% delle imprese aumenterà gli investimenti, mentre per la grande maggioranza (58%) resteranno stabili.

Uno sguardo ai principali settori di attività evidenzia nel secondo semestre 2020 il ritorno alla crescita per il ceramico e soprattutto il biomedicale, che presentano aumenti sia di produzione che di fatturato.
Anche il comparto delle macchine e apparecchiature elettriche e elettroniche, dopo un primo semestre pressoché stazionario, è tornato a incrementare il fatturato nella seconda parte dell'anno.
In negativo gli altri settori, come abbigliamento e meccanica, anche se con flessioni meno pesanti rispetto a quelle registrate nel primo semestre.
In controtendenza l'alimentare che dopo un primo semestre con produzione e fatturato in crescita registra una caduta degli indicatori nel secondo.

Attività edilizie

I dati del secondo semestre 2020 confermano il trend positivo già registrato nel primo: per la produzione si evidenzia una variazione tendenziale del +6,4%, che diventa del +6,7 per il fatturato.

Gli ordini sono in aumento del +12,7%, anche grazie ai bonus messi in campo dal governo per le ristrutturazioni degli edifici, un dato che lascia ben sperare per la prosecuzione della positiva congiuntura delle costruzioni anche nel 2021.

Inoltre, le imprese in campione registrano un balzo in avanti dell'occupazione nei mesi da luglio a dicembre 2020, a conferma della positiva intonazione del settore.

Settore terziario

Il terziario nel complesso ha mantenuto nel secondo semestre 2020 lo stesso andamento negativo registrato nella prima metà dell'anno (-15,2% è la variazione in rosso del fatturato) ma sussistono profonde differenze tra i comparti che lo compongono. Le imprese che subiscono i maggiori contraccolpi della crisi sono sicuramente quelle che svolgono attività turistiche, di alloggio e ristorazione con un crollo che si avvicina al 40% su base annua nel 2020 rispetto al 2019.

Il commercio al dettaglio, dopo una contrazione di un quinto del fatturato registrata nel primo semestre pare aver contenuto le perdite a un -2,5% nel secondo semestre. Stesso trend per l'ingrosso.

Segnali positivi provengono invece dai servizi alle imprese, che dopo aver chiuso i primi sei mesi dell'anno sugli stessi livelli del 2019, riportano un incremento tendenziale dei ricavi pari al +5,4% nella seconda parte dell'anno.

Discorso diverso per i servizi alle persone che con il lockdown di primavera hanno perso il 18% di fatturato da gennaio a giugno, per poi conseguire un rimbalzo del +8% da luglio a dicembre.

Nel terziario le previsioni sull'andamento del fatturato nel primo semestre 2021 sono per una prosecuzione delle tendenze in atto: permangono le gravi criticità per le attività ricettive, di ristorazione e, in misura minore, per il commercio al dettaglio. Buone invece le prospettive per i servizi alle imprese.


_________
Il presidente della Camera di Commercio Giuseppe Molinari sottolinea che "l'anno 2020 si chiude con un bilancio pesante per le imprese modenesi ma i dati del secondo semestre denotano nel complesso un miglioramento della situazione congiunturale dando credito alle prospettive di una ripresa della crescita già nel 2021, seppur con le incognite dovute al contenimento della pandemia. La Camera di Commercio metterà in campo anche quest'anno interventi per promuovere, tra le altre cose, la transizione digitale, l'internazionalizzazione, lo sviluppo e qualificazione aziendale e dei prodotti, al fine di supportare le imprese nel difficile percorso della ripartenza ed aiutarle a tornare quanto prima ai livelli pre-crisi".

Azioni sul documento

pubblicato il 11/02/2021 ultima modifica 11/02/2021