Camera di Commercio di Modena
Tu sei qui: Home / Tutela del Mercato / Ambiente / SISTRI - Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti

Azioni sul documento

SISTRI - Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti

pubblicato il 17/10/2013 08:00, ultima modifica 13/03/2018 11:10

Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) è stato istituito con il Decreto 17/12/2009 del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per permettere l'informatizzazione della tracciabilità dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani della Regione Campania.

In attesa della piena operabilità del SISTRI, la legge 27/12/2017 n. 205 (legge di bilancio) prevede la proroga del periodo transitorio previsto dal D.L. 101/2013 durante il quale, fino al subentro del nuovo gestore del Sistri e comunque non oltre il 31 dicembre 2018, continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del D.Lgs. 152/2006 nel testo previgente alle modifiche apportate dal D.Lgs. 205/2010, nonché le relative sanzioni. Viene quindi prorogato il cosiddetto "doppio binario" che prevede la tenuta dei registri cartacei (registri di carico/scarico, formulari e MUD) e, per i soggetti obbligati al SISTRI, anche con il sistema informatico SISTRI.

Durante il periodo transitorio non si applicano le sanzioni per omessa o errata tenuta del registro cronologico e della scheda SISTRI.

Chi è tenuto all'iscrizione al Sistri

L'articolo 188-ter, commi 1, 2 e 3, del D. Lgs. n. 152/2006, così come modificato dall'art. 11 del D.L. n. 101/2013, convertito con Legge n. 125/2013 e a seguito delle norme attuative del Decreto Ministeriale 24 aprile 2014 prevede l'obbligo di adesione al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) per i seguenti soggetti:

  • gli enti o le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi, originati da:
    - attività agricole ed agroindustriali con più di 10 dipendenti, esclusi, indipendentemente dal numero dei dipendenti, gli enti e le imprese di cui all'art. 2135 del Codice civile che conferiscono i propri rifiuti nell'ambito di circuiti organizzati di raccolta, ai sensi dell'art. 183, comma 1, lettera pp) del D. Lgs. n. 152/2006;
    - attività con più di dieci dipendenti di cui all'art. 184, comma 3, lettere b), c), d), e), f) ed h), del D. Lgs. n. 152/2006;
    - attività di stoccaggio di cui all'art. 183, comma 1, lettera aa), del D. Lgs. n. 152/2006;
    - attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento di rifiuti urbani nella regione Campania;
    - attività di pesca professionale e acquacoltura, di cui al D. Lgs. n. 4/2012, con più di dieci dipendenti, ad esclusione, indipendentemente dal numero dei dipendenti, degli enti e delle imprese iscritti alla sezione speciale "imprese agricole" del Registro Imprese che conferiscono i propri rifiuti nell'ambito di circuiti organizzati di raccolta, ai sensi dell'art. 183, comma 1, lettera pp) del D. Lgs. n. 152/2006;
  • gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale, compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale.
    Con riferimento alle attività di trasporto dei rifiuti, la locuzione "enti o imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale", contenuta al comma 2 dell'articolo 11 del D. L. n. 101/2013, deve intendersi riferita agli enti e imprese che (raccolgono o) trasportano rifiuti speciali pericolosi prodotti da terzi;
  • in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell'impresa navale o ferroviaria o dell'impresa che effettua il successivo trasporto;
  • gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi.
    In questo caso, diversamente dai precedenti, la norma si riferisce a tutti i rifiuti pericolosi, sia speciali che urbani;
  • i nuovi produttori, che trattano o producono rifiuti pericolosi.
    Si tratta dei soggetti che sottopongono i rifiuti pericolosi ad attività di trattamento ed ottengono nuovi rifiuti (eventualmente, anche non pericolosi) diversi da quelli trattati, per natura o composizione, ovvero che sottopongono i rifiuti non pericolosi ad attività di trattamento ed ottengono nuovi rifiuti pericolosi; tali soggetti, nelle more delle modifiche delle procedure informatiche, sono tenuti ad iscriversi sia nella categoria gestori che in quella produttori.

Rientrano inoltre tra i soggetti obbligati ad aderire al SISTRI, ai sensi del comma 4 dell'articolo 188-ter non modificato ma richiamato dall'articolo 11, comma 3, del D. L. n. 101/2013:

  • i Comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della Regione Campania.

Modalità di iscrizione e di cancellazione

Le modalità di iscrizione e di cancellazione sono pubblicate nel sito www.sistri.it.

Procedura di rilascio dei dispositivi USB

La consegna dei dispositivi USB rilasciati da Sistri è assicurata dalle Camere di Commercio.

A ricevimento dei dispositivi e dei dati indicati nelle domande di iscrizione inviati alla Camera da parte di Sistri, i soggetti interessati saranno contattati per posta elettronica oppure per telefax dalla Camera di Commercio.
La comunicazione indica:

  • data, ora e luogo dell'appuntamento per la consegna dei dispositivi USB da CONFERMARE o RIFIUTARE da parte dell'interessato;
  • elenco dei documenti da consegnare;
  • importo dei diritti di segreteria dovuti alla Camera di Commercio

Per procedere al ritiro del dispositivo è necessario presentare allo sportello tutti i documenti previsti dalla normativa. La Camera di Commercio non potrà consegnare i dispositivi in caso di documenti parzialmente errati o mancanti o in assenza del versamento dei diritti di segreteria in caso di pagamento eseguito con Telemaco o mediante conto corrente postale.

I dispositivi potranno essere rilasciati, previa identificazione, al legale rappresentante oppure a un suo delegato. In quest'ultimo caso, il soggetto delegato al ritiro deve disporre di delega del legale rappresentante firmata in carta semplice, secondo il formato disponibile sul sito SISTRI, e di documento di riconoscimento.

Pagamento dei diritti di segreteria per il ritiro dei dispositivi

Il Decreto Dirigenziale Interministeriale del 17 giugno 2010 (in vigore dal 08/07/2010) ha stabilito l'importo dei diritti di segreteria dovuti per il rilascio dei dispositivi USB per il SISTRI come segue:

  • € 16,00 per il rilascio del primo dispositivo per ogni unità locale
  • € 6,00 per ogni dispositivo aggiuntivo per la stessa unità locale.

I diritti di segreteria possono essere pagati con una delle seguenti modalità:

  • in contanti, con bancomat o carta di credito allo sportello;
  • tramite pagamento on line con carta di credito;
  • tramite Telemaco;
  • versamento sul conto corrente postale n. 14287411 intestato a "Camera di Commercio di Modena", causale "diritti di segreteria SISTRI cod. fiscale ...... oppure codice pratica ...... " utilizzando un bollettino a tre parti (alla Camera di Commercio dovrà essere consegnata l'attestazione).

 

Accedi al servizio Pagamenti on line
Pagamenti on line

 

Normativa

Normativa Sistri

Link

 

Area riservata
Fatti riconoscere
Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

C.F. e Partita Iva 00675070361
Tel. 059208111 - URP
Iban IT98K0503412900000000006700
Contabilità speciale Banca d'Italia: 0319324
Fatt. elettronica - Cod. univoco: XECKYI
PEC: