Camera di Commercio di Modena
Tu sei qui: Home / Promozione / Incentivi Pubblici / Progetti di promozione dell'export per imprese non esportatrici e per la partecipazione ad eventi fieristici - Export is now

Azioni sul documento

Progetti di promozione dell'export per imprese non esportatrici e per la partecipazione ad eventi fieristici - Export is now

pubblicato il 14/04/2017 15:57, ultima modifica 14/04/2017 15:57
Regione E.r. - Por Fesr 2014-2020, Asse 3, azione 3.4.1

Il bando intende rafforzare le capacità organizzative e manageriali delle imprese per renderle capaci di affrontare i mercati internazionali, contribuendo a diversificare i mercati di sbocco e a rafforzare la competitività del sistema produttivo regionale mediante contributi a fondo perduto.

Il bando vuole accrescere il numero delle imprese esportatrici e attraverso queste la quota di prodotti e servizi esportati. Obiettivo perseguito mettendo a disposizione delle imprese contributi a fondo perduto per progetti pluriennali in grado di produrre mutamenti strutturali nell'azienda.

Gli elementi cruciali sono la creazione delle condizioni interne per la pianificazione, l'avvio e il consolidamento di percorsi di internazionalizzazione di medio periodo.

Il bando supporta due tipologie di progetti:

  • A. Azioni per imprese non esportatrici o esportatrici non abituali. Progetti realizzati da piccole e medie imprese non esportatrici o esportatrici non abituali, finalizzati a realizzare un percorso strutturato, nell'arco di massimo due annualità, costruito a partire da un piano export, su un massimo di due paesi esteri scelti dall'impresa;
  • B. Partecipazione a fiere internazionali. Progetti realizzati da piccole e medie imprese, anche già esportatrici, per la partecipazione a un programma costituito da almeno 3 fiere svolte in paesi esteri.

Ogni impresa può presentare domanda solo per una delle due tipologie di progetto.

Progetti di tipo A - Azioni per imprese non esportatrici o esportatrici non abituali

L'intervento è rivolto esclusivamente a imprese di micro, piccola e media dimensione non esportatrici o esportatrici non abituali e supporta progetti finalizzati a realizzare un percorso strutturato, nell'arco di massimo di due annualità, costruito a partire da un piano export, su un massimo di due paesi esteri scelti dall'impresa.

Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività:

  1. Servizi di consulenza prestati da consulenti esterni finalizzati a:
    - valutare e sviluppare le capacità e potenzialità dell'impresa per affrontare un percorso di internazionalizzazione, anche predisponendo un piano export;
    - valutare la fattibilità di azioni di internazionalizzazione su determinati mercati, inclusi gli studi di settore;
    - contribuire alla realizzazione di un percorso di internazionalizzazione ea rafforzare l'organizzazione aziendale;
    - ricercare potenziali clienti o distributori in particolare sui mercati esteri e assistere l'impresa nella realizzazione di incontri d'affari;
    - sviluppare un sito internet aziendale in lingua estera e pubblicizzarlo tramite internet.
  2. Temporary export manager (TEM): cioè servizi prestati da consulenti finalizzati a pianificare e/o gestire successivamente il percorso di internazionalizzazione oggetto del progetto presentato dall'impresa al presente bando e a favorire l'accrescimento delle capacita manageriali dell'impresa nel settore dell'internazionalizzazione;
  3. Certificazioni per l'export: le consulenze esterne finalizzate a ottenere le certificazioni di prodotto o aziendali necessarie all'esportazione sui mercati internazionali indicati dal progetto o individuati nel corso del suo svolgimento;
  4. Partecipazione come espositori ad un massimo di 2 fiere con qualifica internazionale o nazionale svolte all'estero.

I progetti avranno inizio a partire dalla data di presentazione della domanda e dovranno essere conclusi entro il 31/12/2018.

Il costo del progetto dovrà essere di minimo 50.000,00 Euro.

Progetti di tipo B - Partecipazione a fiere internazionali
L'intervento è rivolto esclusivamente a imprese di micro, piccola e media dimensione e supporta progetti finalizzati alla penetrazione di mercati esteri attraverso le partecipazioni fieristiche all'estero, la realizzazione di eventi promozionali e l'attivazione di consulenze per l'ottenimento di certificazioni per l'export e per la registrazione e la protezione del marchio sui paesi target.
L'iniziativa prevede la partecipazione a minimo tre (3) fiere di qualifica internazionale e nazionale all'estero e si svolgerà nell'arco di massimo due annualità.

Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività:

  1. Partecipazione come espositori ad almeno 3 fiere all'estero con qualifica internazionale o nazionale. L'impresa può prevedere, in sostituzione della partecipazione a una fiera, l'organizzazione di un proprio evento promozionale all'estero, come l'organizzazione di b2b, visite aziendali, forum, degustazioni, sfilate, esposizioni in show room, manifestazioni analoghe organizzate dal richiedente o alle quali il richiedente aderisce.
  2. Servizi di consulenza prestati da consulenti esterni finalizzati a:
    - ottenere certificazioni per l'export (certificazioni di prodotto o aziendali necessarie all'esportazione sui mercati internazionali indicati dal progetto);
    - ottenere la registrazione del proprio o dei propri marchi sui mercati internazionali indicati dal progetto;
    - ricercare potenziali clienti o distributori e assistere l'impresa nella realizzazione di incontri d'affari contestualmente alle partecipazioni fieristiche;
    - organizzare eventi promozionali all'estero.

I progetti avranno inizio a partire dalla data di presentazione della domanda e dovranno essere conclusi entro il 31/12/2018.
Il costo del progetto dovrà essere di minimo 20.000,00 Euro

Spese ammissibili

Le spese dovranno essere interamente sostenute, cioè quietanziate entro la data di presentazione della rendicontazione di progetto, fissata al 01/04/2019.

Per la realizzazione dei progetti della tipologia A sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  1. Spese di consulenza esterna volte ad identificare e sviluppare un percorso di internazionalizzazione pluriennale, comprensivo della relazione iniziale sulle capacità/potenzialità di sviluppo dell'impresa sui mercati esteri (check up aziendale) e redazione del piano export.
    Questa spesa e ammessa fino al limite massimo di Euro 20.000,00;
  2. Spese di consulenza per la ricerca di partner commerciali o industriali, agenti, buyers;
  3. Spese relative al "Temporary export manager" (TEM) dedicato alla conduzione, coordinamento e gestione delle attività del progetto, con riferimento anche alle attività svolte nel paese target, fino ad un massimo di € 50.000,00 al netto degli oneri. 
  4. Spese relative all'organizzazione di incontri d'affari e visite aziendali in Emilia-Romagna di potenziali partner commerciali e produttivi esteri, incluse le spese di viaggio, vitto e alloggio dei rappresentanti delle imprese estere, con l'esclusione delle spese di viaggio, vitto e alloggio dei dipendenti, soci o rappresentanti dell'impresa beneficiaria del contributo. Spese per l'organizzazione di eventi promozionali quali: affitto e allestimento sale, catering, hostess e/o interpreti;
  5. Spese di consulenza esterna per valutare la fattibilità o supportare la predisposizione di una rete commerciale all'estero o di centri di servizio di vendita o controllo, assistenza post-vendita, logistica;
  6. Spese per la partecipazione a fiere di livello internazionale o di livello nazionale svolte nei paesi esteri scelti dall'impresa.
    Solo per settori ammissibili della sezione "Industrie culturali e creative" coerenti con la Strategia S3 di cui all'APPENDICE 4, sarà ammissibile anche la spesa per la partecipazione ad una sola fiera di qualifica internazionale realizzata in Italia;
  7. Spese per la registrazione e la protezione del marchio nei mercati di destinazione individuati nel progetto;
  8. Spese per consulenze finalizzate all'ottenimento delle certificazioni per l'esportazione e alla protezione del marchio nei mercati di destinazione individuati nel progetto;
  9. Spese per la predisposizione o revisione del sito internet aziendale in lingua straniera e per la sua pubblicizzazione tramite internet, elaborazione di piani di web marketing. Tali spese sono ammesse nel limite massimo del 5% della somma delle spese sopra indicate;
  10. Spese per la produzione di materiali promozionali, ad esclusione della manualistica tecnica, nel limite massimo del 5% della somma delle spese dalla voce 1 alla voce 8;
  11. Spese generali, calcolate nella misura forfettaria del 2,5% del totale delle spese dalla voce 1 alla voce 8.

Per la realizzazione dei progetti della tipologia B sono ammissibili le spese per la partecipazione a fiere con qualifica internazionale o nazionale svolte nei paesi esteri scelti dall'impresa.

In particolare:

  1. il costo dell'area espositiva, della progettazione dello stand e del suo allestimento;
  2. il trasporto dei materiali e dei prodotti, compresa l'assicurazione ed escluse le spese doganali;
  3. il costo di hostess e interpreti/traduttori;
  4. le spese di consulenza per la ricerca di partner commerciali o industriali, agenti, buyers e per l'organizzazione di incontri di affari da realizzare nel contesto fieristico;
  5. le spese per la registrazione e la protezione del marchio nei mercati di destinazione individuati nel progetto;
  6. le spese per consulenze finalizzate all'ottenimento delle certificazioni per l'esportazione e alla protezione del marchio nei mercati di destinazione individuati nel progetto.

Agevolazioni

Progetti della tipologia A

Il contributo regionale sarà concesso a fondo perduto nella misura massima del 40% delle spese ammissibili. Il contributo regionale non potrà comunque superare il valore di Euro 100.000,00.
Per le reti di impresa il contributo massimo concedibile è calcolato nella misura di Euro 100.000,00 per ogni impresa della Rete, fino a un massimo di Euro 400.000,00 per progetto.
Il contributo massimo viene aumentato fino al 45% delle spese ammissibili, comunque entro il limite massimo di Euro 100.000,00, in fase di concessione, a condizione che l'impresa beneficiaria si impegni ad aumentare l'occupazione complessiva, secondo uno schema definito

Progetti della tipologia B

Il contributo regionale sarà concesso a fondo perduto nella misura massima del 30% delle spese ammissibili. Il contributo regionale non potrà comunque superare il valore di Euro 30.000,00.
Per le reti di impresa il contributo massimo concedibile è calcolato nella misura di Euro 30.000,00 per ogni impresa della Rete, fino a un massimo di Euro 120.000,00 per progetto.

I contributi concessi ai sensi del presente provvedimento non sono cumulabili, per le stesse spese e per i medesimi titoli di spesa, con altri provvedimenti che si qualificano come aiuti di stato o sono concessi a titolo di un regolamento "de minimis", ad eccezione degli aiuti sotto forma di garanzia.

Destinatari

Possono partecipare al bando:

Per la tipologia A

  • le imprese di micro, piccola e media dimensione non esportatrici o esportatrici non abituali, aventi sede o unità operativa in Regione Emilia-Romagna, con un fatturato minimo di € 700.000, così come desunto dall'ultimo bilancio disponibile;
  • le reti formali di imprese micro, piccola e media dimensione, tutte non esportatrici o esportatrici non abituali, aventi tutte sede o unità operativa in Regione Emilia-Romagna e fra di loro non associate o collegate.

Sono imprese non esportatrici quelle che negli ultimi due anni non hanno svolto operazioni di vendita diretta di propri prodotti o servizi all'estero;

Sono imprese esportatrici non abituali quelle che negli ultimi due anni hanno svolto operazioni di vendita diretta di propri prodotti o servizi all'estero per meno del 10% del proprio fatturato complessivo ovvero che non hanno esportato in uno degli ultimi due anni di attività.

Le imprese, singole o appartenenti a una rete, devono inoltre avere un fatturato minimo di € 700.000,00 cosi come desunto dall'ultimo bilancio disponibile.

Per la tipologia B

  • le imprese piccole e media dimensione aventi sede o unita operativa in Regione Emilia-Romagna;
  • le reti formali di imprese di piccola e media dimensione, aventi tutte sede o unita operativa in Regione Emilia-Romagna e fra di loro non associate o collegate. 

Per entrambe le tipologie di progetto, le imprese devono inoltre possedere i seguenti requisiti:

a) essere regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese presso la Camera di Commercio competente per territorio entro la data di presentazione della domanda;
b) esercitare attività industriale di produzione di beni e servizi, come indicato dall'art. 2195 del c.c. nei settori ammessi indicati nell'App.1 al presente bando;
d) possedere i requisiti (parametri dimensionali e caratteri di autonomia) di piccola e media impresa indicati nell'App.2 al presente bando;
e) essere attive da almeno due anni e non essere sottoposte a procedure di liquidazione, fallimento, concordato preventivo, amministrazione controllata o altre procedure concorsuali al momento della presentazione della domanda;

Modalità operativa

Il bando aprirà i termini di presentazione delle domande in due diverse chiamate:

  • la prima dal 15 maggio al 15 giugno 2017
  • la seconda dal 11 settembre al 11 ottobre 2017

La domanda di contributo dovrà essere compilata ed inviata esclusivamente per via telematica, tramite una specifica applicazione web, le cui modalità di accesso e di utilizzo saranno rese disponibili sul portale regionale: http://www.regione.emilia-romagna.it/fesr/.

Per informazioni
Sportello Imprese Regione Emilia Romagna
dal lunedì al venerdì: dalle 9.30 alle 13.00 - tel: 848.800258

Normativa

Deliberazione Giunta Regionale n. 452 del 10 aprile 2017

Link

Bando e modulistica

Ulteriori approfondimenti
Pagamenti on line

Pagamenti on line

Sistema di pagamento dei servizi camerali
« dicembre 2017 »
dicembre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Modena Economica

N. 5 settembre - ottobre 2017

Info - Contatti

n. 5 Settembre / Ottobre 2017

Certificati e visure ora anche in lingua inglese

Fatturazione Elettronica P.A.

    Amministrazione Trasparente

Area Amministratori

 

 

Area riservata
Fatti riconoscere
Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

C.F. e Partita Iva 00675070361
Tel. 059208111 - URP
Iban IT98K0503412900000000006700
Contabilità speciale Banca d'Italia: 0319324
Fatt. elettronica - Cod. univoco: XECKYI
PEC: